We contribute to the sustainable development of the countries where we operate, with innovative network infrastructures and digital services, sharing our skills and know-how. Read more

Latest press releases

Read the latest press releases and search the archives of TIM Group's Press Office.

TIM and LGBT+ people: the road to inclusion

Our presence at the Pride events, our collaboration with Parks, Valentina' story , LGBT+ wife and mother. Read more

L'estate più digitale di sempre

Quest’estate, dopo l’esperienza del lockdown vissuta nella prima parte dell’anno, sarà caratterizzata da una nuova modalità di vivere il nostro quotidiano e quindi anche le vacanze, tutta tecnologica e digitale. La tecnologia è stata essenziale per rispettare le regole imposte dall’emergenza sanitaria senza rinunciare alla nostra vita e alle nostre abitudini e ci servirà anche per vivere questa estate in relax.

07/28/2020 - 12:38 PM

Internet ha rivoluzionato il mondo. O meglio: una parte di esso. Nel pianeta, infatti, solo il 53% della popolazione è un utente di internet ed è quindi in grado di beneficiare dei vantaggi della rete. Una percentuale più bassa di quella che potremmo immaginare e che è causata principalmente da due fattori.

Il primo è il digital divide tra le diverse nazioni e continenti, un divario causato principalmente da differenze a livello infrastrutturale. Dal 94% di utenti internet dell’Europa del Nord si passa infatti al 68% dell’America del Sud e al 36% dell’Asia Meridionale, arrivando fino alle zone dell’Africa Centrale in cui la penetrazione della rete si ferma al 12% (fonte: report We Are Social).

Queste disparità sono causate principalmente da fattori economici e dalla mancanza di infrastrutture adeguate in alcune aree del mondo, che quindi ancora oggi faticano a entrare appieno nella nuova era digitale. Ma c’è una seconda forma di digital divide che ci riguarda più da vicino: quella interna alle nazioni. È il divario che può presentarsi tra le zone più urbanizzate di un paese e quelle più rurali, tra la fascia di popolazione più giovane e quella più anziana e altro ancora.

Anche negli Stati Uniti, nazione pioniera di internet, il 12% della popolazione ancora oggi non ha mai utilizzato la rete. Si tratta, nel 34% dei casi, di persone over 65, mentre la percentuale crolla al 2% se si prende in considerazione chi ha tra i 18 e 40 anni (fonte: Pew Research). E in Italia? Le cose da noi vanno un po’ peggio: circa il 21% degli italiani infatti non utilizza la rete (fonte: Eurostat). Non solo: l’Italia è al 24° posto su 28 per quanto riguarda l’adozione del digitale. Vale a dire che più di un quarto delle famiglie non dispone di PC e meno di 4 italiani su 10 fanno acquisti online (fonte: Istat, Eurostat). E questo nonostante l’80% delle case italiane siano raggiunte dalla banda ultralarga e il 99% del territorio nazionale sia coperto dal 4G.

Anche in questo caso, la fascia di popolazione meno connessa è quella composta da donne e uomini over 50, spesso con una bassa scolarizzazione e che abitano per lo più nei centri minori. Ma perché è importante che la trasformazione digitale coinvolga una parte sempre crescente di cittadini? Per esempio, perché una percentuale significativa di italiani che non utilizza i servizi online costringe la pubblica amministrazione a restare prevalentemente analogica, con tutto ciò che ne consegue in termini di costi e di efficienza. O ancora perché non consente di sfruttare appieno le potenzialità della internet of things e del 5G.

Queste sono solo alcune delle ragioni per cui è importante sviluppare l’educazione digitale e permettere all’Italia di diventare in tutto e per tutto una smart nation: più efficiente, più rapida, più semplice. In una parola: più connessa. Tra i programmi che puntano proprio a diffondere internet nel nostro paese ce n’è uno organizzato da TIM, chiamato Risorgimento Digitale.

Già dall’11 novembre, per oltre un anno, 3 truck di TIM stanno raggiungendo tutte le 107 province italiane (da Trapani fino ad Aosta), con a bordo squadre di formatori che saranno a disposizione nelle piazze di ciascun paese toccato per insegnare a utilizzare la rete a chi ancora non ha confidenza con questo strumento e per promuovere un utilizzo più consapevole delle nuove tecnologie. Dall’homebanking al cloud, dall’accesso ai servizi online della pubblica amministrazione alla PEC, fino alla gestione corretta e sicura di un account sui social network. Il tutto attraverso incontri, laboratori e workshop, per un totale di 20mila ore di lezione e con la possibilità di formare direttamente oltre 100mila persone e indirettamente anche un milione.  

Non solo: sempre nel contesto del programma di Risorgimento Digitale, TIM ha recentemente siglato un’intesa con il ministero della Pubblica Amministrazione, finalizzato a supportare la formazione digitale dei dipendenti pubblici (in aula o con e-learning), nell’ambito delle strategie di Open government orientate allo sviluppo di una democrazia autenticamente partecipativa.

I dati sui partecipanti complessivi all’iniziativa confermano ancora una volta dove ci sia più necessità di intervenire. Il 60,3% di chi finora ha seguito le opportunità di apprendimento offerte da TIM ha infatti più di 60 anni, percentuale che scende al 31,7% nella fascia 40-59 e arriva al 7,9% tra i 20 e i 39 anni. Nel complesso, invece, è quasi inesistente la differenza di genere, con il 49,8% dei partecipanti di sesso maschile e il 50,2% femminile.

TIM non è l’unica grande realtà internazionale che ha dato vita a progetti ambiziosi per diffondere i benefici della rete: nel Regno Unito, BT (British Telecom) ha organizzato corsi per migliorare le skill digitali dei cittadini britannici, collaborando con realtà come Google o LinkedIn. Negli Stati Uniti, un colosso come Verizon già dal 2012 supporta le famiglie a basso reddito, fornendo a un numero crescente di ragazze e ragazzi i dispositivi e gli strumenti per accedere alla rete. In Germania, Deutsche Telekom ha dato vita a un programma educativo rivolto alle scuole secondarie inferiori, con l’obiettivo di introdurre i giovani alla tecnologia digitale e alle professioni tecniche e tecnologiche.

Esperienze tra loro diverse ma che hanno un obiettivo comune: avvicinare a internet chi ancora è rimasto indietro e aiutare i più giovani a utilizzare la rete e i social in maniera consapevole, conquistando competenze indispensabili per il domani. Perché l’evoluzione tecnologica è ancora oggi in pieno svolgimento e un nuovo mondo di opportunità si aprirà con la diffusione del 5G. Tutti devono poter approfittare della trasformazione digitale e dei suoi immensi benefici.

Leggi di più

Il futuro è a forma di nuvola

Perché gli investimenti sul cloud sono una priorità

L'agricoltura è smart

Il ruolo dell'IoT nell'efficienza dei raccolti

Open Innovation

La transizione digitale è sostenibile solo con un approccio aperto