TIM Green

Un insieme di iniziative per migliorare l’efficienza ambientale dei nostri prodotti, dall’utilizzo di materiali sostenibili alla riduzione dei consumi energetici. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

Telecom Italia sporge denuncia per furti cavi nella provincia di Ragusa

Rubati circa 2.000 metri di rame a Santa Croce Camerina, Acate e Donnafugata: fenomeno in crescente aumento negli ultimi mesi

30/01/2012 - 11:15

Telecom Italia rende noto di aver presentato denuncia-querela alle Autorità giudiziarie competenti a seguito di diversi furti di cavi di rame avvenuti a Santa Croce Camerina, Acate e Donnafugata (RG).

Ignoti hanno rubato cavi in rame per un totale di circa 2 chilometri, dopo aver abbattuto i pali del telefono. Quelli avvenuti nelle ultime ore nelle tre località fanno salire già a quindici il numero dei furti nel ragusano dall’inizio dell’anno ad oggi. 

I tecnici di Telecom Italia sono tempestivamente intervenuti sul posto per ripristinare il cavo asportato e riattivare nel più breve tempo possibile le linee telefoniche coinvolte.

In merito ai conseguenti disservizi verso la clientela, l’Azienda sottolinea di essere parte lesa rispetto ad un fenomeno che si sta verificando con frequenza e gravità tali da pregiudicare talvolta i normali tempi di risoluzione. Nella sola provincia di Ragusa, lo scorso anno, sono stati rubati oltre 15 chilometri di cavi di rame.

Considerata la complessità della situazione, l’azienda ha già avviato una proficua collaborazione con le Forze dell’Ordine al fine di assicurare una tempestiva ed efficace attività di contrasto e mettere in atto ulteriori azioni di prevenzione volte ad arginare il fenomeno, attivandosi nel contempo per ridurre al minimo i disagi per i propri clienti.

Ragusa, 30 gennaio 2012

 

Allegati

Nota stampa (135 Kb)

138 KB