Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

Telecom Italia, Fastweb e comune di Livorno verso il completamento della rete in fibra ottica in città

Firmato un Protocollo d’Intesa. Obiettivo: raggiungere  famiglie e imprese con Internet sino a 100 Megabit al secondo

04/06/2013 - 13:15

Il Comune di Livorno, Telecom Italia e Fastweb hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa  per portare a termine la realizzazione in città di una rete in fibra ottica a banda ultra-larga, ossia una rete fissa di telecomunicazioni in grado di trasmettere e ricevere dati con maggior velocità e affidabilità rispetto ai sistemi tradizionali.

Il Protocollo d’Intesa è stato sottoscritto, martedì 4 giugno, nella Sala Giunta di Palazzo Comunale nel corso di un incontro aperto alla stampa in cui sono stati illustrati - in termini di crescita economica, sociale e culturale  per la città- i vantaggi che i servizi evoluti di telecomunicazione offrono al territorio.

Presenti all’incontro Bruno Picchi, Vicesindaco di Livorno, l’Assessore al Lavoro e alla Semplificazione Darya Majidi, Marino Cecchi, Responsabile Open Access Toscana Nord di Telecom Italia  e Mario Mella, Chief Technology Officer di Fastweb.

Per realizzare nella città di Livorno la rete ultrabroadband, Telecom Italia e Fastweb stanno posando circa 200 chilometri di fibra ottica che serviranno a collegare oltre 300 armadi stradali dotati di elettronica di nuova generazione, raggiungendo in questo modo circa 81 mila famiglie e utenze business nelle zone del Centro, Fabbricotti, Coteto, Carducci e Ardenza. L’investimento complessivo per la nuova rete è di oltre 13  milioni di euro. I lavori saranno terminati entro settembre 2013.

La fibra viene posata per la maggior parte nei cavidotti già esistenti e nelle infrastrutture dedicate alla pubblica illuminazione; verranno realizzati solo 25 km di nuovi scavi. I lavori in corso utilizzano tecniche di scavo non invasive, come le microtrincee e l’innovativa tecnologia “no dig ”. Una parte degli armadi stradali sono interrati per minimizzare gli impatti ambientali e i disagi per i cittadini.

Come ha dichiarato il vicesindaco Bruno Picchi, “l’accordo è possibile grazie alla novità rappresentata dal nuovo regolamento sul ripristino delle manomissioni a cui gli uffici comunali si sono molto impegnati”. E dice ancora il vicesindaco: “E’ assolutamente innovativa la previsione di utilizzo della rete di illuminazione comunale, secondo una previsione normativa poco attuata nei fatti e che si rende possibile nel nostro contesto grazie appunto ad un serio lavoro fatto dagli uffici comunali nell’affrontare e dirimere tempestivamente le numerose problematiche tecniche e amministrative che inevitabilmente accompagnano progetti di questa portata.” Da evidenziare, secondo il Vicesindaco il “ritorno” per l’Amministrazione Comunale,  che nell’ambito del progetto, si doterà di una rete metropolitana che collegherà le sedi comunali periferiche, secondo un progetto già apprezzato dalla Giunta Comunale e che per le ben note difficoltà di bilancio non aveva trovato finanziamento. La rete a regime consentirà infatti un abbattimento della spesa corrente.

“Questo investimento – ha aggiunto l’assessore al Lavoro e alla Semplificazione Darya Majidi - rappresenta un tassello determinante per l’innovazione e la modernizzazione della nostra città verso una città davvero smart e pronta per le nuove sfide che le cosiddette green economy porteranno. E cioè la fusione e l’interazione tra tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni, dell’energia e dell’ambiente. Solo attraverso una collaborazione sinergica pubblico/privato – ha sottolineato l’assessore Majidi - è possibile affrontare la carenza di risorse da parte del pubblico ed offrire benefici concreti e tangibili ai cittadini”.

Nel corso dell’incontro è stato ricordato che l’iniziativa si inserisce nell’accordo siglato a settembre 2012 da Telecom Italia e Fastweb  che, partendo dai rispettivi piani di sviluppo nazionale sulla rete NGAN, prevede di individuare nelle aree di comune interesse tutte le opportunità di ottimizzazione dei costi e degli investimenti, attraverso la condivisione delle infrastrutture passive e il coordinamento delle attività di realizzazione, in modo di accelerare il roll out della fibra ottica.

“Telecom Italia ha deciso di dare un forte impulso al programma di sviluppo della propria rete di nuova generazione in fibra ottica – dichiara Marino Cecchi, Responsabile Open Access Toscana Nord di Telecom Italia  - “Si tratta di un piano ambizioso che prevede di raggiungere 100 città entro il 2014 con una  copertura di circa 6 milioni  di unità immobiliari corrispondenti al 25% della popolazione. Siamo pertanto lieti che Livorno sia tra le prime  città scelte dall’azienda per la realizzazione di questa importante infrastruttura che consentirà ai cittadini di usufruire di servizi di nuova generazione in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale”.

“Ringraziamo il Comune di Livorno per aver condiviso con la nostra azienda la convinzione che la rete in fibra costituisce un asset strategico per lo sviluppo della città e del suo territorio. FASTWEB dispone già oggi della più ampia rete in fibra ottica in accesso del paese: 34 mila chilometri lungo tutto il territorio nazionale che raggiungono direttamente 2 milioni di persone e imprese”, ha dichiarato Mario Mella, Chief Technology Officer di Fastweb. “Grazie alla collaborazione con Telecom Italia stiamo espandendo la nostra rete di nuova generazione, investendo per arrivare a fine 2014 a 5,5 milioni di famiglie e imprese, il 20% del mercato italiano”.

Livorno, 4 giugno  2013

Allegati

Nota Stampa (55 KB)

56 KB