Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

Telecom Italia: arriva il Tim Wallet, il portafoglio virtuale per il mobile payment

Impulso al sistema dei pagamenti di beni e servizi attraverso i più diffusi smartphone

Accordi con le principale banche e CartaSi

TIM Wallet conterrà la prima versione della TIM SmartPAY, la carta prepagata TIM sviluppata in collaborazione con Visa Europe ed Intesa Sanpaolo

15/04/2014 - 11:50

Telecom Italia accelera sul mobile payment e stringe una serie di accordi strategici con le principali banche e CartaSi per dare impulso al pagamento di beni e servizi utilizzando i più diffusi  smartphone sul mercato.

L'iniziativa ha l’obiettivo di rendere disponibile, entro l’estate, il nuovo TIM Wallet, il portafoglio virtuale di Telecom Italia, che conterrà la prima versione della TIM SmartPAY , la carta prepagata sviluppata in collaborazione con Visa Europe ed Intesa Sanpaolo, oltre  le carte di altre banche e istituti finanziari.

Grazie agli accordi con Intesa Sanpaolo, Banca Mediolanum, BNL Gruppo BNP Paribas, UBI Banca e CartaSi, Telecom Italia lancerà i servizi di mobile proximity payments, che consentiranno progressivamente agli oltre 31 milioni di clienti TIM di utilizzare il proprio smartphone per effettuare transazioni contactless presso terminali POS abilitati in Italia e in tutto il mondo.

Telecom Italia ha sviluppato una specifica piattaforma tecnologica per garantire la sicurezza dei servizi di pagamento in mobilità, che prevede la virtualizzazione delle carte di pagamento sulla SIM e il loro utilizzo tramite il TIM Wallet e le specifiche applicazioni di pagamento delle banche e di CartaSi.

Questa soluzione è stata costruita sulla base delle sperimentazioni avviate nel 2012 nell’area di Milano e si è progressivamente avvalsa della collaborazione con diversi player anche a livello internazionale, come GSMA per la diffusione di servizi aperti e interoperabili, Visa Europe e Intesa Sanpaolo per le prime realizzazioni commerciali e  per la creazione dell’offerta prepagata.

I recenti accordi con le altre banche e CartaSi consentiranno di arricchire il TIM Wallet con nuove carte di pagamento e altri servizi, permettendo così la diffusione di servizi di mobile payment innovativi che semplificheranno le transazioni di tutti i giorni e la riduzione dell’utilizzo dei contanti.

Per effettuare il pagamento delle piccole spese quotidiane, quali l’acquisto di biglietti di bus e metropolitana, il caffè al bar oppure giornali, libri e riviste, sarà sufficiente avvicinare il proprio smartphone al terminale POS abilitato. Le spese superiori a 25 Euro saranno effettuate, sempre in modalità contactless, digitando un codice direttamente sul telefonino o sul POS.

Telecom Italia sta lavorando anche con aziende di settori chiave come trasporti e retail, società di controllo accessi e buoni pasto, per sfruttare tutte le potenzialità della tecnologia NFC SIM-based nei diversi ambiti di applicazione e nell’ottica di sostituire nel TIM Wallet tutti i supporti fisici cui siamo abituati.

“I servizi di mobile proximity payments consentiranno di usare lo smartphone per effettuare pagamenti, semplificando così alcuni aspetti della vita quotidiana - dichiara Cesare Sironi, Responsabile Innovation di Telecom Italia - . La scelta della tecnologia Nfc è alla base dell'ecosistema tra banche ed operatori mobili ed una garanzia di sicurezza. Le stime di mercato indicano che nel 2016 un utente mobile su due disporrà di un telefonino NFC, i POS abilitati a questa tecnologia saranno tra i 400mila e i 600mila, e che il 10% degli utenti utilizzerà i servizi di mobile proximity payments.

Roma, 15 aprile 2014

Allegati

Nota Stampa (46 KB)

46 KB