Gruppo TIM
Gruppo TIM

La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

TIM: nessun danno alla rete telefonica fissa e mobile nelle zone colpite dal terremoto. L’azienda invia mezzi di emergenza per potenziare i collegamenti e garantire funzionamento centrali

24/08/2016 - 14:00

TIM comunica di aver disposto immediatamente controlli e verifiche su tutti i propri impianti di rete presenti nelle regioni del centro Italia colpite dal terremoto, che non risultano danneggiati, e di aver intrapreso sin dalle prime ore del mattino una serie di azioni per garantire il funzionamento delle comunicazioni di telefonia fissa, mobile e internet, a sostegno delle attività di soccorso coordinate dalla Protezione Civile.

L’Azienda ha già provveduto ad inviare nei comuni coinvolti diversi mezzi di emergenza con a bordo gruppi elettrogeni per alimentare le principali centrali e stazioni radio base, a causa della mancanza di energia elettrica. Una task force di tecnici è sul posto per affrontare le emergenze e agevolare i soccorsi, anche grazie al supporto di telefoni satellitari per ovviare alle possibili congestioni di rete a causa dell’elevato traffico telefonico e dati che si sta registrando in queste ore nelle zone colpite.

Da Roma e dall’Abruzzo sono in viaggio squadre di tecnici e mezzi per potenziare i collegamenti del Centro di Coordinamento della Protezione Civile. Linee di emergenza sono già state attivate presso la Questura di Rieti in aggiunta a quelle già operative.

TIM informa che, a sostengo della popolazione residente nei comuni coinvolti, sospenderà la scadenza della fatturazione e bloccherà le azioni di gestione del credito.  Ulteriori iniziative sono in fase di definizione e verranno presto diffuse anche sui social network aziendali, che da questa mattina stanno supportando la Protezione Civile nel divulgare informazioni di pubblica utilità.

 

Roma, 24 agosto 2016

Allegati

download pdf

Nota Stampa (123 KB)

125 KB