Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

Comune di Torino e TIM: al via le telecamere digitali per le luci d’artista di Piazza Montale

Attivato un sistema di videosorveglianza su rete mobile

01/12/2017 - 11:30

Torino compie un altro passo avanti nel percorso di digitalizzazione verso un modello di città sempre più fruibile e sicura, continuando così il processo di trasformazione per diventare Smart City a pieno titolo, nell’ambito dell’accordo con TIM per la sperimentazione della tecnologia 5G. Da oggi, infatti, per monitorare l’impianto “luci d’artista” di Piazza Montale, è attivo un sistema di videosorveglianza della piazza che sfrutta le potenzialità della banda ultralarga mobile.

Il sito pilota in funzione nel quartiere Le Vallette è stato attivato su iniziativa dell’Assessorato all’Innovazione di Torino di Paola Pisano, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Francesca Leon e prevede l’utilizzo di telecamere digitali mobili ad alta definizione, inizialmente quattro, con l’obiettivo di incrementare i livelli di sicurezza della piazza a favore dei  numerosi cittadini e turisti che vorranno frequentarla.

Le telecamere, connesse alla rete mobile a banda ultralarga di TIM, che per l’occasione è stata potenziata per consentire l’attività di monitoraggio, convogliano le immagini verso il Centro di Controllo gestito dalla Polizia Locale. Qui, grazie ad una piattaforma software messa a disposizione da TIM con alcuni partner torinesi del settore ICT, come la società Aizoon ed il Centro Ricerche CSP, è possibile elaborare e definire eventuali strategie di intervento, oltre che eseguire le cosiddette “analisi di contesto” e fare “analisi predittive”, in funzione degli scenari che di volta in volta si presentano. Uno strumento dunque che serve a migliorare la ‘public safety’ e a rendere sicuramente più vivibili e sostenibili le periferie, in linea con gli intenti della Giunta locale.

Come previsto dal protocollo sul 5G dello scorso marzo, infatti, TIM supporta la città di Torino nell’identificare servizi di nuova generazione legati alla Smart City, come anche quelli relativi alla pubblica sicurezza, che consentano al comune di individuare soluzioni tecnologicamente avanzate atte a garantire la sperimentazione in più ambiti metropolitani.

Torino, infatti, è stata scelta da TIM come prima città italiana per lo sviluppo della futura rete 5G per la realizzazione entro il 2018 della prima sperimentazione in ambito metropolitano di questa nuova tecnologia.

La visione della Amministrazione pubblica, attenta ad una città con ‘pari opportunità’ indipendentemente dalla centralità del luogo, la competenza di un partner tecnologico fortemente focalizzato sull’innovazione e la valorizzazione di player locali che hanno investito ed investono su soluzioni digitali all’avanguardia si dimostrano ancora una volta efficaci elementi per la modernizzazione del territorio.


Torino, 1 dicembre 2017

 

Allegati

Nota Stampa (141KB)

144 KB