Gruppo TIM
Gruppo TIM

La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

FS e TIM: completata la copertura 4G sull’AV Milano-Bologna

Importante passo avanti nell’ambito dell’accordo per lo sviluppo della connettività a bordo treno e nelle stazioni

Il progetto, a cui hanno aderito anche iliad, Vodafone e WINDTRE, prevede il potenziamento della copertura radiomobile in tutte le gallerie lungo la linea AV Torino-Napoli e da Bologna a Venezia

05/07/2022 - 11:30

Il Gruppo FS Italiane e TIM hanno attivato il primo impianto di copertura radiomobile con tecnologia 4G nelle gallerie della tratta Alta Velocità Milano-Bologna, ottenendo così la copertura completa della tratta.

La tecnologia 4G consente ai passeggeri di usufruire di una connessione stabile e di alta qualità anche nelle aree più sfavorevoli come le gallerie ferroviarie, sia attraverso il servizio WiFi di bordo treno sia attraverso la copertura diretta di tutti gli Operatori TLC che hanno aderito al progetto: TIM come capofila, iliad, Vodafone e WINDTRE.

I lavori di upgrade verso la tecnologia 4G saranno avviati nei prossimi mesi anche sulle tratte alta velocità tra Bologna e Firenze, per poi proseguire nel corso del 2023 da Torino a Milano, da Firenze fino a Napoli e da Bologna a Venezia. L’obiettivo è realizzare una connettività voce e dati sempre più affidabile sulle linee alta velocità ma anche sulle linee convenzionali, a partire dalle tratte a maggiore frequentazione, così da garantire un servizio di alta qualità ai passeggeri dei treni AV, Intercity e Regionali e alle imprese ferroviarie del trasporto merci.

L’attivazione degli impianti sulla AV Milano-Bologna rappresenta il primo tassello dell’accordo siglato nel dicembre 2021 tra il Gruppo FS Italiane, tramite il gestore dell’infrastruttura RFI, e TIM. Nell’ambito delle iniziative legate al PNRR, inoltre, sono previsti studi di fattibilità relativi al possibile utilizzo di tecnologie 5G.

 

Roma, 5 luglio 2022

Allegati

Nota Stampa

94 KB