La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

TIM e Noovle, insieme ad ANM-Azienda Napoletana Mobilità e Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Salerno, hanno dato vita al progetto prototipale Connected TRAM per la Cloud Mobility al servizio della città di Napoli, che integra al proprio interno le tecnologie cloud di Noovle connesse alla rete 5G di TIM per l’erogazione di servizi avanzati di connettività e di infotainment agli utenti del servizio di trasporto di ANM.

Scarica il PDF

Down

Cloud Mobility

2357 KB

Il mercato del turismo al digitale

Dagli ultimi trend rilevanti del mercato nel settore turistico, emerge come tecnologia e turismo rappresentano ormai un binomio indissolubile, in quanto è ampiamente dimostrato che lo sviluppo tecnologico possa contribuire a migliorare l’esperienza turistica, impattando positivamente sui flussi turistici di un determinato Paese. La competitività del settore è infatti sempre più influenzata dall’impiego delle tecnologie digitali, sia nella relazione con i turisti sia nella gestione dei servizi. Fondamentali nel Turismo digitale come aree da sviluppare tecnologicamente sono le nuove esigenze digitali del turista, l’estensione spazio-temporale del viaggio, le diverse modalità di interazione tra gli attori e l’integrazione di servizi turistici esperienziali, grazie anche alla data valorisation al fine di raccogliere, gestire e utilizzare i dati in maniera strategica per migliorare i servizi. Il journey dei turisti digitali include diversi canali, online e fisici, ma è soprattutto l’utilizzo di Internet l’elemento preponderante in tutte le fasi del viaggio, con focus su attività e servizi in viaggio correlate all’esperienza e alla mobilità per arricchire la loro esperienza onsite. Dalla Ricerca 2021 dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo, si evidenzia che in Italia il mercato complessivo del Travel, sia online che offline, è cresciuto in ripresa post pandemia, sia nella componente ricettiva con 9,5 miliardi di euro, +73% sul 2020, sia nella componente trasporti con 8,5 miliardi, +33% sul 2020. Inoltre, analizzando l’offerta presente nel settore turistico sull’utilizzo del digitale, il 7% delle strutture offre la possibilità di svolgere attività online per offrire una neverending experience, arricchendo l’esperienza di visita e la conoscenza della destinazione attraverso un’estensione dell’esperienza turistica. Il settore del Turismo è infatti al centro di un importante piano di riforme all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), nello specifico il piano “Digitalizzazione, competitività, cultura e turismo”, che prevede l’assegnazione di 2,4 miliardi di euro in favore di una strategia di sostegno e rilancio del Turismo fondata sulla valorizzazione del patrimonio culturale e turistico e sulla digitalizzazione. Non è solo il Turismo a essere diventato digitale, ma lo sono anche e soprattutto i turisti. Su questo trend, anche i trasporti pubblici si stanno pian piano evolvendo, grazie all’adozione di soluzioni innovative che consentano di cogliere le opportunità della tecnologia a beneficio dei passeggeri. Tema centrale sono i servizi esperienziali che trovano nuova linfa nel digitale e rilanciano l’idea di un Turismo di prossimità, in grado di promuovere un patrimonio anche di piccolissime realtà locali.

Cloud Mobility, nuovi servizi intelligenti per vivere i mezzi pubblici

Il progetto Cloud Mobility (Fig.1), ossia l’impiego di tecnologie estremamente innovative quali il cloud di Noovle e la rete 5G di TIM applicati ai mezzi pubblici, nasce sull’onda di questi nuovi trend, per promuovere la digitalizzazione dei trasporti per l’erogazione di servizi avanzati di connettività e di infotainment on board agli utenti del servizio di trasporto di ANM nella città di Napoli, arricchendo così la loro esperienza di viaggio con nuove informazioni sul territorio locale.

Figura 1: Il progetto Cloud Mobility

Clicca qui per ingrandire l'immagine

Il cloud, insieme al 5G e l’AI, sono ad oggi infatti le tecnologie abilitanti che consentono di offrire dinamiche digitali avanzate per il comparto turistico e cittadino, grazie anche alla valorizzazione dei dati circostanti tramite l’applicazione di progetti di smart analytics che consentono di monitorare i mezzi e predire incidenti, flussi di passeggeri, rotte alternative. Il 5G ed il cloud saranno fondamentali per la trasformazione digitale del Paese, abilitando soluzioni non pensabili con le reti attuali, grazie ad una miglior copertura sul territorio e piattaforme software sempre disponibili e performanti, con benefici in termini di trasmissione di grandi volumi di dati a bassa latenza per consentire agli utenti di usufruire di servizi di prossimità in real-time. Noovle, grazie alla sua expertise, ha impiegato la propria tecnologia cloud d’avanguardia, per offrire una piattaforma evolutiva che consenta di sperimentare nuove soluzioni digitali nel settore del trasporto pubblico, utili a promuovere servizi intelligenti di cloud mobility e smart city sul territorio in ottica B2B B2C.
Grazie all’impiego di una piattaforma in cloud e nodi 5G installati nella città di Napoli, TIM e Noovle hanno dato vita ad un Connected TRAM, ossia un mezzo tranviario connesso in cloud con router 5G, con a bordo un portale di infotainment dedicato e una rete Wi-fi 5G disponibile ai passeggeri.

Il Portale Infotainment per il Connected TRAM

Il portale di infotainment (Fig.2) implementato a bordo del Connected TRAM, offre informazioni real-time geolocalizzate sui mezzi di trasporto, luoghi di interesse turistico e culturale, interscambio con altri mezzi di trasporto, pillole informative e meteo con servizio TIM Gate, e contenuti video promozionali, trasformando così un servizio di trasporto pubblico in un’opportunità di valorizzazione degli asset della città e di connessione con i propri utenti.

Figura 2: Il portale infotainment del Connected TRAM

Clicca qui per ingrandire l'immagine

I passeggeri potranno salire sul TRAM ed avere contenuti e informazioni geolocalizzati, in modo da rendere la loro esperienza turistica quanto più possibile attrattiva. Insieme ad ANM, si è voluto valorizzare i mezzi tranviari, in particolare la linea 4, che attraversa la città di Napoli da San Giovanni a Teduccio alla Stazione Marittima, incrociando diversi punti nevralgici per il settore turistico.

Copertura Nodi 5G TIM dedicata

Per il progetto, TIM ha provveduto ad installare 12 Nodi 5G nella città di Napoli (Fig.3), per far sì che un consistente volume di traffico dati generato e di contenuti trasmessi a bordo del TRAM, senza interruzioni, possa essere veicolato in cloud per offrire un’esperienza real-time ai passeggeri circa i luoghi di interesse ed i servizi ai cittadini geolocalizzati.

Figura 3: Copertura dei 12 Nodi 5G TIM a supporto della linea TRAM nella città di Napoli

Clicca qui per ingrandire l'immagine

La tecnologia 5G, grazie alle sue tre principali caratteristiche di bassa latenza, elevato throughput e capacità di gestione di applicazioni mission critical, permette un’efficienza mai vista prima e, insieme alla tecnologia cloud Noovle, consente di offrire servizi innovativi a supporto dei trasporti pubblici per i cittadini e i turisti. Grazie alla soluzione di cloud mobility realizzata, i passeggeri potranno beneficiare di un miglioramento dell’esperienza classica dei trasporti pubblici, arricchita con un servizio “ intelligente”.

La soluzione tecnica e la user experience

A bordo del TRAM sono stati installati un PC Automotive, che consente di visualizzare e replicare il portale infotainment su 6 schermi FullHD presenti nel mezzo tranviario, un Router 5G Cradlepoint powered by Qualcomm, e una scheda GPS. La tecnologia messa in campo per la soluzione di infotainment prevede l’implementazione di un portale web captive, responsive in mobile, sviluppato in HTML5 su piattaforma cloud Noovle, con server Apache scalabile in base ad esigenze di carico, per mettere il collegamento simultaneo dei passeggeri a bordo e di altre linee di trasporto implementabili. Il portale, realizzato in Javascript, ingloba la funzionalità di geolocalizzazione con API GPS, per consentire di agganciare le coordinate delle fermate del tram con i contenuti personalizzati e le informazioni correlate ad ogni fermata della Linea 4. Il router Wifi 5G, oltre ad agganciarsi alle celle del Nodi 5G installati sulla linea tranviaria, consente ai passeggeri di collegarsi via wifi direttamente al portale di infotainment dal proprio smartphone, così da consentire eventuali approfondimenti sulle informazioni presenti nel portale e nuove ricerche tematiche associate. Difatti, la user experience (Fig.4) che si è voluta ricercare con la soluzione di infotainment e connettività è dare all’utente a bordo del TRAM la possibilità di usufruire del portale sia tramite gli schermi installati che tramite il proprio smartphone, utile per consentire anche, in una seconda fase, la possibilità di far interagire gli utenti direttamente con i contenuti online grazie a pubblicità interattive e applicazioni terze quali gaming, biglietteria e promozioni personalizzate.

Figura 4: La user experience del Connected TRAM

Clicca qui per ingrandire l'immagine

Scenari evolutivi per il Cloud Mobility

A valle del lancio del servizio, grazie alla tecnologia impiegata e alla valorizzazione del portale infotainment e dei dati raccolti a bordo, è possibile implementare delle evoluzioni di supporto alla linea commerciale per promuovere servizi innovativi sul territorio e visibilità per la Clientela.

Advertising & Entertainment B2B e B2C

Una fase evolutiva è ad esempio l’Advertising monetization, grazie all’ inserimento di contenuti locali promossi dalle attività commerciali presenti sul territorio all’interno del portale infotainment, tramite l’ingaggio di concessionarie pubblicitarie come IGPDecaux. Sarà possibile evolvere la piattaforma, rendendola editoriale, per consentire la pubblicazione di promozioni pubblicitarie on board con contenuti profilati e geolocalizzati, grazie anche ad accordi commerciali con altri mobility info provider, per incrocio di dati con informazioni derivanti dai altri portali di mobilità o accordi con fornitori di contenuti di Entertainment a board. Alla piattaforma potrà affiancarsi un APP dove inserire servizi aggiuntivi, acquistabili direttamente tramite pagamento digitale.

Predictive Maintenance e Air Monitoring

Grazie alle tecnologie impiegate, in una seconda fase, la piattaforma realizzata potrà ospitare in futuro anche elementi di innovazione su tema smart analytics, cloud e IoT, quali ad esempio l’Implementazione di una piattaforma Cloud Smart Analytics & Big Data per Predictive Maintenance e Safety Monitoring a supporto off erta B2B (Fig.5).

Figura 5: Piattaforma Cloud evolutiva di Smart Analytics per gestione dati sensoristica sul TRAM

Clicca qui per ingrandire l'immagine

La piattaforma cloud abiliterà la trasmissione real-time dei dati raccolti a bordo del mezzo tranviario, attraverso i diversi sensori, verso una centrale operativa che monitora il mezzo e lo gestisce da remoto, consentendone una gestione “intelligente”. Il collecting di dati, da sensori presenti a bordo dei veicoli e nell’ambiente circostante, consentiranno di fornire in real-time: aggiornamenti sullo stato del mezzo, informazioni sul contesto vicino e remoto del veicolo, informazioni di prossimità, anticipazione di collisione ad incroci segnaletica, aggiornamenti sulla bigliettazione e numero passeggeri. Un ulteriore scenario implementabile prevede il monitoraggio della qualità dell’aria al fine di rilevare la concentrazione di sostanze dannose grazie a sensori installati in posizioni fisse o su mezzi in movimento (Bus as a Sensor). Grazie alla valorizzazione dei dati raccolti tramite Smart Analytics, sarà possibile rilevare i valori di inquinamento istantanei che possono essere una utile indicazione per l’interlocutore pubblico o privato. Si potranno così monitorare i mezzi inquinanti, attraverso ad esempio alla combinazione dei dati di transito di un mezzo provenienti da un tombino smart e dalla contemporanea rilevazione della qualità dell’aria da parte di un sensore fissato su un arredo urbano corrispondente (es. un palo della luce), valutando l’inquinamento di ogni categoria di veicolo e con la possibilità di classificarlo anche grazie ad un sensore videocamera. Inoltre, utilizzando i dati raccolti grazie all’impiego di AI, si potranno indicare dei percorsi safe per il cittadino, individuando i tracciati con minore tasso di inquinamento disponibili nel luogo e nell’orario desiderato.

Conclusioni

Il progetto si inserisce nelle soluzioni che il gruppo TIM sta mettendo in campo per il Sistema Paese e potrà essere replicato su altre municipalità, partendo dalla soluzione prototipale sulla Città di Napoli quale evidenza tecnologica a supporto dei trasporti pubblici. L’obiettivo è valorizzare gli asset Noovle e TIM, come le piattaforme cloud, soluzioni di AI, Copertura e connettività 5G, per la creazione di una proposizione commerciale distintiva, grazie anche alla cooperazione con enti di ricerca specializzati del settore per testing nuovi enabler tecnologici. Il prototipo sviluppato dà accesso a fasi evolutive B2B e B2C che potranno estendere il concetto attuale di smart city e infotainment per il settore turistico.

Acronimi

AI     Artificial Intelligence

B2B     business-to-business

B2C     business-to-consumer

FullHD     Full High-Definition

IoT     Internet of Things