La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

Noovle Interconnect

In una soluzione hybrid cloud o hybrid multi-cloud, un ruolo fondamentale per garantire elevate prestazioni in termini di velocità e latenza, viene svolto dal sistema di interconnessione tra cloud pubblico e privato. Noovle Interconnect è un hybrid-PoP (Point of Presence), un punto di collegamento tra Public Cloud Service Provider (PCSP) e le sedi dei clienti (branch office, headquarter, Data Center, etc.). Sarà presente nel Data Center di Milano Est, e verrà poi esteso agli altri Data Center di Torino.
Noovle Interconnect/Hybrid-PoP è dotato di apparati di terminazione collocati presso il Data Center dove sono ospitati a loro volta i PoP di interconnessione degli Hyperscaler.
Noovle Interconnect permetterà, con i futuri sviluppi sulle nuove reti di trasporto backbone di TIM, di utilizzare una connessione diretta, fisica e privata in colocation tra il cloud privato Noovle, la Noovle Island, e i principali Public Cloud Service Provider (PCSP).
I benefici di questa interconnessione diretta sono:

  • Diverse opzioni di banda trasmissiva (da min 50 Mbps a 10 Gbps);
  • Riduzione dei costi (il cliente non deve sostenere i costi dell’infrastruttura di comunicazione e di gestione, con notevole risparmio del tempo di attivazione secondo le sue specifiche esigenze);
  • Data Sovereignty (il traffico è sicuro e mantenuto sul territorio nazionale o europeo);
  • Gestione integrata e consistente per soluzioni multi-cloud interconnesse tra i principali Hyperscaler basata su connettività privata.

In sinergia con Noovle Interconnect, il servizio Noovle Digital Sovereignty offrirà al cliente la possibilità di avere meccanismi di protezione da accessi esterni non autorizzati. Garantirà elevati standard di riservatezza e cifratura per un controllo più efficace dei dati, anche grazie all’implementazione di un External Key Manager sviluppato e gestito da Noovle.
Se da un lato TIM/Noovle si fa carico dell’interconnessione diretta con gli Hyperscaler, lato accesso è presente l’integrazione con la rete di TIM, strutturata su 3 livelli di networking. Tale flessibilità consente di avere un’infrastruttura integrata, indipendente dal livello trasporto e definita su connettività di:

  • livello 1 (fibra ROADM - Reconfigurable Optical Add-Drop Multiplexer);
  • livello 2 (architettura switch altamente ridondata secondo il paradigma spine&leaf);
  • livello 3 (basata su tecnologie MPLS e BGP).

Un’infrastruttura molto affidabile e capillare, ridondata e distribuita su tutto il territorio nazionale e aperta ad interconnessione con l’estero.
La Fig.A mostra una schematizzazione ad alto livello dell’implementazione dell’interconnessione tra la sede del cliente ed il punto di interconnessione con il PCSP.

Figura A: L’ecosistema in cui si inserisce Noovle Interconnect

Clicca qui per ingrandire l'immagine

I modelli di servizio disponibili sono sia di livello 2 che di livello 3:

  • L3, dove Noovle si fa carico di gestire il routing BGP del cliente tra gli apparati di rete dell’Hybrid PoP e il cloud router del cliente, predisponendo il trasporto a livello di VLAN fino al punto di interconnessione del PCSP;
  • L2, dove il trasporto è fornito da Noovle Interconnect a livello di VLAN dedicate fino agli apparati presenti nel PCSP. Il routing BGP è gestito tra apparati di rete del cliente e i suoi cloud router.

In sintesi, Noovle offre alle aziende connettività privata, ad alta velocità e di qualità, ai principali Hyperscaler tramite i servizi di interconnessione nei propri Data Center, e verso i clienti tramite la rete di TIM. Noovle costituisce un unico punto di accesso diretto e sicuro in Digital Sovereignty alle applicazioni e ai servizi in ambienti multi-cloud, implementando il vero concetto di hybrid cloud.