Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

Telecom Italia: best in class nel settore delle TLC nei Dow Jones Sustainability Indexes World e Europe

Telecom Italia è stata confermata per l’undicesimo anno consecutivo negli indici DJSI World e Europe

11/09/2014 - 18:07

Telecom Italia si conferma per l’undicesimo anno consecutivo nei Dow Jones Sustainability Indexes World (DJSI World) e Europe (DJSI Europe) ed ottiene il riconoscimento di “best in class” nel settore delle telecomunicazioni, con un punteggio di 91/100.

Si tratta di un riconoscimento importante che conferma l’impegno del Gruppo in campo ambientale e sociale, nell’innovazione tecnologica e nella trasparenza verso gli stakeholder.

La revisione annuale per l’ammissione agli Indici di Sostenibilità del Dow Jones, infatti,  avviene a seguito di un rigoroso processo di valutazione dell’azienda svolto da agenzie di rating specializzate che ne analizzano la performance finanziaria e non, sulla base di criteri di natura generale e settoriale, che considerano tra gli altri le relazioni con i clienti e i dipendenti, l’innovazione e la ricerca, la gestione dei rischi, le strategie relative ai cambiamenti climatici, la catena di fornitura e l’analisi degli impatti socio-ambientali del business.

La presenza di un’azienda negli indici di sostenibilità è un elemento di crescente interesse nella valutazione degli investitori che, con sempre maggiore frequenza, prendono in considerazione anche parametri non finanziari nelle loro scelte di portafoglio, ritenendo le  aziende  sostenibili meno rischiose nel medio-lungo termine rispetto ad aziende che non soddisfano requisiti di natura ambientale, sociale e di governance.

 

Roma, 11 settembre 2014

Allegati

Comunicato Stampa (64 KB)

59 KB