Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

TIM: accelera copertura ultrabroadband nelle aree a fallimento di mercato


Nessun impatto da esiti gare Infratel

24/01/2017 - 18:50

TIM prende atto dell’attribuzione provvisoria dei punteggi della gara Infratel, la cui parte tecnica è stata esaminata in pochissimi giorni dalla Commissione e che vedrebbe attualmente offerte migliori della propria, sulle quali tuttavia, stando alle indiscrezioni di stampa, sono stati rilevati dalla Commissione stessa profili di anomalia.

Si ricorda che detta gara riguardava la realizzazione di una rete pubblica e con investimenti pubblici in aree a fallimento di mercato, quali ad esempio zone rurali o a bassa densità abitativa. Aree nelle quali TIM è proprietaria di una propria rete e sulle quali in ogni caso la Società interverrà selettivamente con propria copertura in banda ultralarga fissa e mobile, offrendo ai propri clienti il massimo della qualità nel più breve tempo possibile.

Le risultanze della gara non hanno alcun impatto dal punto di vista gestionale, strategico e di posizionamento di mercato della Società, che conferma i propri target e accelererà i propri piani di investimento per coprire in brevissimo tempo tutto il Paese.

TIM conferma la propria leadership tecnologica, infrastrutturale e di qualità, che avrà modo di dimostrare e consolidare sempre più.

 

Roma, 24 gennaio 2017

Allegati

Comunicato Stampa (62 KB)

63 KB