Ultimi Comunicati Stampa

Redazione ufficio stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM. Leggi i comunicati

Modello di risk management

Il nostro Gruppo adotta un modello di Enterprise Risk Management (di seguito ERM) che segue le normative e gli standard internazionali di riferimento e si integra con i processi di pianificazione strategica e operativa. Il modello ERM è progettato per identificare gli eventi potenziali che possono influire sull’attività d’impresa, per individuare e gestire i rischi connessi entro limiti accettabili e per fornire consapevolezza al Top Management.

L'attività di Risk Management è stata centralizzata esclusivamente nella funzione Enterprise Risk Management. Tale struttura costituisce il secondo livello di controllo del nostro Sistema di Controllo Interno e riporta al Chief Financial Officer[1], che risponde direttamente all'Amministratore Delegato. La Funzione assicura indipendenza dalle linee di business dell’Organizzazione nell’analisi e nella valutazione dei rischi a livello di Gruppo.

Effettuiamo una revisione periodica degli scenari di rischio non solo in occasione della definizione del Piano Industriale ma anche al verificarsi di significativi cambiamenti di contesto interno ed esterno o di nuovi scenari di rischio.

[1] Nell’ambito del sistema di gestione dei rischi del Gruppo TIM, il CFO in sostanza agisce da Chief Risk Officer.

 

ERM ha identificato e mappato i rischi del nostro Gruppo in 12 cluster in continua evoluzione(1).

I rischi rientranti nell’ambito ESG sono parte integrante dei cluster individuati.

 

(1) Per ERM il rischio è definito come un possibile evento in grado di compromettere il raggiungimento degli obiettivi del Piano Industriale o il corretto funzionamento dei processi aziendali e che, se individuato e valutato con congruo anticipo, può generare valore. Il livello di rischio basso, medio, alto ERM è funzione dell’impatto sugli obiettivi di Piano Industriale e sui processi oltre che della probabilità di accadimento dell’evento (Rischio = Impatto x Probabilità). L’impatto sugli obiettivi di Piano è valutato per il rischio corrente come Equity Free Cash Flow at risk.