Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

HIV e dintorni

1 dicembre: giornata mondiale per la lotta all'HIV. Una malattia di cui si parla sempre meno, spesso perché si pensa che le cure, sempre più avanzate, abbiano risolto alla radice il problema.

03/12/2018 - 14:13

Se da un lato è vero che le ultime terapie fanno sì che una persona sieropositiva abbia un’aspettativa di vita praticamente identica alle altre, e che un paziente stabilmente in terapia arriva a non trasmettere più il virus, dall’altro leggiamo dell’allarme lanciato dall’UNICEF nel 2017 nel mondo c’erano tre milioni di bambini e adolescenti sotto i 20 anni sieropositivi, di cui 180.000 nuovi infetti e ogni giorno si contagiano quasi 700 adolescenti tra i 10 e 19 anni, uno ogni due minuti.

Se non ci saranno maggiori investimenti nell'azione di prevenzione a livello globale, circa 360.000 adolescenti moriranno per malattie collegate all’AIDS tra il 2018 e il 2030, una media di 76 al giorno.

In Italia le stime dei nuovi contagi si attestano sui 4000 l’anno.

Oltre l’HIV, negli ultimi quattro anni i centri infettivologi italiani hanno riscontrato un raddoppio dei casi di sifilide e di altre malattie sessualmente trasmissibili.

Spesso la trasmissione avviene tra gli adolescenti che sembrano pericolosamente confondere contraccezione e prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

Un ulteriore equivoco che sembra confondere il quadro complessivo è il target delle persone potenzialmente interessate: complessivamente l’AIDS e le altre malattie sessualmente trasmissibili sono associate a persone LGBT e tossicodipendenti ma la realtà è sostanzialmente diversa: la modalità di trasmissione principale tra le nuove diagnosi HIV è attraverso rapporti eterosessuali.

Per questo la  ANLAIDS, la prima associazione italiana nata per fermare la diffusione del virus HIV, ha ideato quest’anno la campagna pubblicitaria #tiriguarda proprio per informare e sensibilizzare il maggior numero di persone.

TIM ha deciso quest’anno di realizzare, per le sue persone, un webinar dedicato all’informazione su HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili.

Il webinar, della durata di un’ora circa, sarà a cura della d.ssa Silvia Corcione della Clinica di Malattie Infettive dell’Università di Torino. Sarà fruito il 6 dicembre da un’utenza amica di 40 persone appartenenti alla TIM4INCLUSION community ma poco dopo sarà disponibile per tutte le persone di TIM, all'interno della piattaforma di formazione TIM Academy, trasformato in un corso e-learning.

Il webinar e il corso e-learning presenteranno un percorso informativo e di aggiornamento su:

  • numeri dell'evoluzione della diffusione delle infezioni nel mondo e in Italia  
  • terapie  
  • prevenzione  
  • aspettativa e condizioni di vita  
  • superamento di alcuni bias legati alla trasmissione di alcune patologie (ed.: HIV).

Che lo si faccia per se stessi o per i nostri figli, informazione e prevenzione sono due leve molto potenti che dobbiamo mettere in campo per la lotta alle malattie sessualmente trasmissibili.