Gruppo TIM
Gruppo TIM

La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

Responsabilità e attribuzioni

Attribuzioni del Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio svolge un ruolo d’indirizzo e supervisione strategica, perseguendo l’obiettivo prioritario della creazione di valore per l’azionista in un orizzonte di medio-lungo periodo, tenendo altresì conto dei legittimi interessi dei restanti stakeholders, nella prospettiva del successo sostenibile dell’impresa.

Oltre alle materie riservate al Consiglio ai sensi di legge, statuto e Principi di autodisciplina, di cui la Società si è dotata, sono rimesse alla sua competenza le seguenti operazioni:

(i) le partnerships, joint ventures, accordi parasociali rispetto a società partecipate che per l’oggetto, gli impegni, i condizionamenti, i limiti che ne possono derivare incidano durevolmente sulla libertà delle scelte strategiche imprenditoriali di TIM, ove non si tratti di operazioni o accordi già inclusi in termini analitici e definitivi nel Piano Strategico e/o nel budget annuale approvati dal Consiglio di Amministrazione e tempo per tempo vigenti, ovvero per importi diversi da quelli ivi previsti;

(ii) gli investimenti e disinvestimenti, ivi inclusi – a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo – atti d’acquisto e disposizioni di partecipazioni, aziende o rami di aziende che abbiano rilevanza strategica nel quadro della complessiva attività imprenditoriale, ove non si tratti di operazioni già incluse in termini analitici e definitivi nel Piano Strategico e/o nel budget annuale approvati dal Consiglio di Amministrazione e tempo per tempo vigenti, ovvero per importi diversi da quelli ivi previsti, sempreché, singolarmente considerati, siano di valore superiore a 50 milioni di euro (ovvero a 250 milioni di euro in caso di investimenti connessi alla partecipazione a gare pubbliche e private), nonché operazioni che possano comportare nel loro svolgimento o al loro termine impegni, e/o atti di acquisto e/o atti di disposizione di tale natura e portata;

(iii) l’assunzione di finanziamenti singolarmente considerati per importi superiori a 350 milioni di euro (ovvero a 500 milioni di euro in caso di finanziamenti agevolati e/o incentivati a livello nazionale e europeo); erogazione di finanziamenti e rilascio di garanzie a favore di società e/o soggetti non controllati, in entrambi i casi per importi, singolarmente considerati, superiori a 100 milioni di euro (ovvero a 250 milioni di euro in caso di rilascio di garanzie a favore di società o altri soggetti controllati); nonché operazioni che possano comportare, nel loro svolgimento o al loro termine, impegni e/o atti di tale natura e portata;

(iv) qualsiasi operazione, il cui controvalore sia pari o superiore al 5% del patrimonio netto o (se superiore) della capitalizzazione della Società rilevata alla chiusura dell’ultimo giorno di mercato aperto compreso nel periodo di riferimento del più recente documento contabile periodico comunicato;

(v) le designazioni, su proposta dell’Amministratore Delegato e previo parere del Comitato per le nomine e la remunerazione, di amministratori esecutivi (o cariche equivalenti) e non esecutivi e di componenti del collegio sindacale delle attuali o future controllate individuate dal Consiglio come strategiche, incluse – a titolo esemplificativo – le società TIM Brasil S.A., Noovle S.p.A., Fibercop S.p.A., Telecom Italia Sparkle S.p.A..

Attribuzioni del Presidente 

Al Presidente spettano le attribuzioni da legge, Statuto e documenti di autodisciplina. Al Presidente sono altresì attribuiti il ruolo di raccordo fra il Consiglio di Amministrazione e i Responsabili delle Funzioni di Controllo, nonché la gestione ordinaria del loro rapporto di lavoro con la Società.

Attribuzioni dell'Amministratore Delegato

L’Amministratore Delegato ha la responsabilità relativa al governo complessivo della Società e del Gruppo, nel rispetto delle prerogative riservate al Consiglio e/o al Presidente per legge, dai “Principi di Autodisciplina di TIM” tempo per tempo vigenti, ovvero da specifiche determinazioni consiliari, e in particolare:

(i)       le responsabilità organizzative per garantire la gestione e lo sviluppo del business del Gruppo nel suo insieme (incluso il presidio dei profili regolatori);

(ii)      la responsabilità di curare l’adozione, la diffusione, l’attuazione e il rispetto di idonee policies operative per assicurare una gestione corretta, ordinata ed efficace dell’impresa;

(iii)     la responsabilità di definire l’assetto organizzativo, le politiche del personale e le relazioni con le Organizzazioni Sindacali;

(iv)     la responsabilità della tutela della Società in ogni sede anche giurisdizionale e avanti a qualsiasi autorità, con facoltà di nominare al riguardo avvocati, consulenti e procuratori, con tutti gli occorrenti poteri;

(v)      la responsabilità delle attività di amministrazione (ivi inclusa la redazione della bozza del bilancio di esercizio), di finanza ordinaria e straordinaria, fiscalità, controllo di gestione e Investor Relations;

(vi)     la responsabilità di definire, proporre all’approvazione del Consiglio di Amministrazione e quindi attuare e sviluppare i piani strategici, industriali e finanziari, riferendone al Consiglio di Amministrazione;

(vii)    la responsabilità di formulare proposte al Consiglio di Amministrazione e di dare esecuzione alle deliberazioni dal medesimo assunte, riferendo di detta loro esecuzione;

(viii)  la responsabilità della disclosure finanziaria al mercato, con riferimento alla Società.

Ai fini di quanto sopra, sono attribuiti all’Amministratore Delegato tutti i poteri, da esercitarsi con firma singola e con ampia facoltà di delega, necessari per compiere gli atti pertinenti all’attività sociale nelle sue diverse esplicazioni, già non riservati al plenum consiliare (come sopra elencati) e/o alle sue articolazioni interne e/o al Presidente per legge, dai “Principi di Autodisciplina di TIM” tempo per tempo vigenti, ovvero da specifiche determinazioni consiliari.

Sono altresì attribuiti all’Amministratore Delegato

1.        le deleghe con riferimento alla responsabilità di gestione degli assets e delle attività di TIM di rilevanza strategica per il sistema di difesa e sicurezza nazionale;

2.        la funzione di amministratore incaricato dell’istituzione e mantenimento del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, ai sensi della Raccomandazione 32.b del Codice di corporate governance di Borsa Italiana;

3.        tutti i poteri da esercitarsi con firma singola e con ampia facoltà di delega ai sensi della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali e con riguardo alle attività di trattamento dei dati personali svolte in TIM, ferme le responsabilità del Data Protection Officer.

Documenti correlati

Down

Statuto Sociale

143 KB

Down

Principi di Autodisciplina

134 KB