Gruppo TIM
Gruppo TIM

La nostra visione ESG

ESG vision

Crediamo che la trasformazione digitale sia la chiave per lo sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e per la tutela del nostro territorio. Approfondisci

Architettura a Micro-Servizi

La piattaforma White-Label sviluppata da TIM e di cui il primo tenant implementato è proprio il Teatro San Carlo si basa su un’architettura a Microservizi.
I microservizi rappresentano un approccio all’architettura del software in base al quale elementi indipendenti e di “piccole dimensioni” (i microsevizi, appunto) inter-lavorano utilizzando specifiche API. L’evoluzione e la manutenzione dei singoli microservizi è potenzialmente assegnata a piccoli team differenti e indipendenti tra loro. Una architettura a microservizi consente una ampia scalabilità, e una particolare rapidità e semplicità nello sviluppo delle applicazioni e nell’aggiunta di nuove feature.
Le architetture dei microservizi permettono di scalare e sviluppare le applicazioni in modo più rapido e semplice rispetto alle architetture tradizionali (“monolitiche”), permettendo di promuovere l’innovazione e accelerare il time-to-market di nuove funzionalità. Le applicazioni basate su microservizi, infatti, sono caratterizzate da componenti autonomi, ciascuno dei quali esegue esclusivamente specifici processi applicativi (e su questa base, può essere modificato, aggiornato e distribuito autonomamente). La comunicazione è assicurata da interfacce ben definite, ed API “leggere”.

L’architettura a micro-servizi della piattaforma è divisa in 3 layer principali:

  • API Gateway layer: punto d'ingresso per tutto il traffico proveniente da internet. Implementa funzionalità di caching per ridurre il traffico e il carico computazionale sull’Application layer sul quale viene implementata la logica di business;
  • Application layer: contiene la logica di business implementata dai vari microservizi che compongono la soluzione;
  • Data layer: contiene tutti i database utilizzati dalle piattaforme appartenenti all’Application layer e il riferimento dei contenuti in streaming.

 

francesco.calonico@telecomitalia.it